Logo per la stampa

Provincia Autonoma di Trento - Autonomia

 
 
Trentino - Italian Alpine Experience
"E se..." - L'Autonomia vista dagli studenti
L'autonomia vista dai giovani
 
 
 
L'intervento del presidente Sergio Mattarella
L'intervento del governatore del Trentino Ugo Rossi
 
 Home  PAT AUTONOMIA
L'Autonomia trentina

L'AUTONOMIA SPECIALE DEL TRENTINO

Trentino in Europa

L'Autonomia speciale del Trentino (e del vicino Alto Adige/Südtirol, con il quale il Trentino forma la Regione autonoma Trentino Alto Adige) nasce dall'accordo italo-austriaco sottoscritto a Parigi il 5 settembre del 1946 dall'allora presidente del Consiglio italiano e ministro degli Esteri Alcide Degasperi e dal ministro degli Esteri austriaco Karl Gruber. Successivamente il testo dello Statuto, approvato dall'Assemblea costituente italiana (incaricata di scrivere la Costituzione dell'Italia repubblicana e post-fascista), è diventato la legge costituzionale n. 5, promulgata il 26 febbraio del 1948.
I trentini e i sudtirolesi indicano solitamente questo Statuto come il primo Statuto di Autonomia, per distinguerlo dal secondo Statuto, che è del 1972.
Ma in realtà l'Autonomia di una terra di confine come il Trentino non può essere nata dall'oggi al domani né può essere solamente il frutto di un intervento legislativo (per quanto, come abbiamo visto, di rango costituzionale e derivante da un accordo di pace fra due Stati sovrani, sulle macerie di due guerre mondiali). Alle origini della nostra Autonomia vi è una storia secolare, fatta di vicende complesse, di tradizioni, di usi civici, di regole che le comunità si sono date e che hanno saputo gelosamente conservare a dispetto dei rivolgimenti politici e sociali. È da qui che nasce l'attitudine dei trentini ad autogovernarsi, a fare da sé: senza nessuna chiusura egoistica, peraltro, ma mantendendo sempre la capacità di dialogare con tutto ciò che sta al di fuori dei propri confini, dalle regioni limitrofe al Governo di Roma fino all'Unione europea. continua >>

 

 
News
Notizie Euregio - Comunicati Ufficio Stampa
  • ?Dirko?, a San Michele la conferenza delle scuole agrarie dell'Euregio
    La Fondazione Edmund Mach ha ospitato in questi giorni la conferenza annuale dei direttori delle 14 scuole agrarie professionali e di economia domestica del Trentino, Alto Adige e Tirolo, meglio conosciuta come ?Dirko?. Al centro del confronto tra i dirigenti scolastici i grandi progetti di collaborazione, come quello transfrontaliero di sviluppo rurale in Uganda/Tanzania, e i nuovi percorsi formativi come l'attivazione a San Michele del diploma statale in servizi per l'agricoltura e lo sviluppo rurale che consente anche agli studenti della formazione professionale di accedere all'esame di stato.
     
  • Thomas è il Re del Tour of the Alps. Oggi a Trento la tappa conclusiva
    Geraint Thomas del Team Sky si è aggiudicato il Tour of the Alps, la nuova corsa ciclistica euro-regionale che ha raccolto l'eredità del Giro del Trentino. Il 30enne gallese ha resistito agli attacchi portati dagli avversari, Thibaut Pinot (FDJ), Domenico Pozzovivo (AG2R) ed Egan Bernal (Androni-Sidermec), sulle rampe del Monte Bondone e sullo strappo delle Novaline. Alla premiazione, oggi a Trento, erano presenti oltre che al presidente Ugo Rossi gli assessori Tiziano Mellarini, Michele Dallapiccola e Carlo Daldoss. "Il Tour of the Alps è stato un esperimento che sicuramente ripeteremo - sottolinea il presidente dell'Euregio Ugo Rossi - perchè ha dimostrato come i tre territori lavorando insieme possono anche nel campo dello sport e della promozione territoriale fare grandi cose. Promuovere le nostre montagne, le nostre valli con i tre marchi è la prova che l'Euregio funziona. Certamente abbiamo ancora tanto da fare insieme, ma possiamo dire che questo è lo spirito giusto".
     
  • Thomas è il Re del Tour of the Alps. Oggi a Trento la tappa conclusiva
    Geraint Thomas del Team Sky si è aggiudicato il Tour of the Alps, la nuova corsa ciclistica euro-regionale che ha raccolto l'eredità del Giro del Trentino. Il 30enne gallese ha resistito agli attacchi portati dagli avversari, Thibaut Pinot (FDJ), Domenico Pozzovivo (AG2R) ed Egan Bernal (Androni-Sidermec), sulle rampe del Monte Bondone e sullo strappo delle Novaline. Alla premiazione, oggi a Trento, erano presenti oltre che al presidente Ugo Rossi gli assessori Tiziano Mellarini, Michele Dallapiccola e Carlo Daldoss. "Il Tour of the Alps è stato un esperimento che sicuramente ripeteremo - sottolinea il presidente dell'Euregio Ugo Rossi - perchè ha dimostrato come i tre territori lavorando insieme possono anche nel campo dello sport e della promozione territoriale fare grandi cose. Promuovere le nostre montagne, le nostre valli con i tre marchi è la prova che l'Euregio funziona. Certamente abbiamo ancora tanto da fare insieme, ma possiamo dire che questo è lo spirito giusto".
     
  • Tour of the Alps: sprint vincente di Montaguti a Cles. Thomas ancora leader
    Quarta tappa dal finale incertissimo e spettacolare al Tour of the Alps, da Bolzano a Cles per complessivi 165,3 Km. La vittoria sembrava una questione per un terzetto composto da Stefano Pirazzi (Bardiani-Csf), Kilian Frankiny (BMC) e Hubert Dupont (AG2R), ma il gruppo sotto la spinta del Team Sky ritornava compatto a un chilometro dal traguardo. Nella volata di Cles Matteo Montaguti (Ag2r-La Mondiale) vince a sorpresa davanti a Thibaut Pinot (FDJ) e Rohan Dennis (BMC). Geraint Thomas (Team Sky) mantiene il comando della classifica generale.
     
 
 
 
credits | note legali | Intranet | scrivi al gruppo web | Cookie Policy